[ Torna all'Indice della sezione]

Indice

Schopenhauer e l'Oriente

(scheda didattica)

di Paolo Scroccaro

Questo testo sarà alla base dell'incontro fissato per venerdì 24 marzo a Treviso

Introduzione

«Legga, ora, anche i meravigliosi scritti della sapienza indiana, che le raccomando caldamente, e così lei avrà conosciuto tutto quello che il lettore dovrebbe sapere per capire appieno le mie opere [...] le raccomando soprattutto, per uno studio più approfondito, le Upanishad, che può trovare, tradotte in latino da Anquetil-Duperron, nella biblioteca civica»
(A. Schopenhauer, Colloquio con C. G. Beck, marzo 1857)

Quello sopra riportato è l'invito che Schopenhauer era solito rivolgere a chiunque volesse veramente avvicinarsi alla sua filosofia: egli riteneva infatti che essa fosse comprensibile solo tramite indispensabili riferimenti alla spiritualità orientale. Purtroppo, la manualistica liceale ed universitaria, tranne pochissime eccezioni, non ha seguito i consigli di Schopenhauer, e ha preteso di ricostruirne il punto di vista, senza conoscere le fonti orientali del suo pensiero. Con quali risultati?

Gli esiti sono a dir poco deludenti, per i seguenti motivi:

1) i manuali che non riportano le nozioni orientaleggianti di Schopenhauer, o che le riportano in modo troppo approssimativo, restituiscono il suo pensiero in modo gravemente monco e riduttivo;

2) tali manuali (e sono la stragrande maggioranza), anche quando si limitano ad esporre nozioni che ritengono "occidentali", in realtà ne deformano più o meno fortemente il significato, proprio perché non tengon conto degli influssi orientali che hanno agito in Schopenhauer, nel mentre recuperava concetti solitamente attribuiti a Platone, a Leibniz, a Kant etc.

A tal proposito, forniremo alcune esemplificazioni ricavandole dagli errori e dagli equivoci presenti in troppi manuali di Filosofia. Nel contempo, è doveroso segnalare che il testo di E. Balducci, sopra citato, è l'unico tra i testi didattici a sottrarsi a tali limitazioni, proprio perché padre Balducci aveva una conoscenza apprezzabile anche dell'Oriente, che gli permise di meglio focalizzare il pensiero di Schopenhauer e di altri autori relazionati in qualche modo alle culture extraeuropee (E. Balducci ha aperto una via importante che, a livello di manualistica, è rimasta deserta: con grave pregiudizio per la formazione non solo degli allievi, ma anche dei docenti di Filosofia, che quasi sempre forniscono un insegnamento unilaterale ed eurocentrico, per dirla con lo stesso Balducci).

Contro il "miracolo greco" e l'eurocentrismo

«Voi andaste colà come maestri
E ne ritornaste come discepoli
Dell'ascoso senso
Là caddero per voi i veli
»
(Sull'etica, in Parerga e paralipomena, VIII, 115)

Con questi versi, Schopenhauer deride i messaggeri della cultura europea, piombati in Oriente per civilizzare e per convertire, e rimasti invece surclassati dalla superiorità della spiritualità orientale. Occorre riconoscere che Schopenhauer è stato tra i primi, nell'Europa moderna, a mettere radicalmente in discussione la tesi del "miracolo greco", della Grecia antica come culla della civiltà. Basti pensare che, secondo Schopenhauer, perfino Pitagora risulterebbe essere un allievo dei saggi indù:

«Secondo Apuleio, Pitagora sarebbe addirittura giunto sino in India, e sarebbe stato ammaestrato dagli stessi brahmani. Di conseguenza, io credo che la filosofia e la conoscenza di Pitagora, certo altamente apprezzabili, non sono consistite tanto in ciò che egli ha pensato, quanto in ciò che egli ha imparato.»
(Frammenti sulla storia della filosofia, 2, in Parerga e paralipomena).

In polemica con le tesi più diffuse, favorevoli ai Greci e soprattutto all'Occidente, Schopenhauer ribatte invece che l'India è la "culla del genere umano" (Della religione, in Parerga e paralipomena, XV, 174), verità non riconosciuta dagli eruditi del tempo, per un misto di arroganza e ignoranza, dato che in realtà essi poco o nulla sapevano dell'Oriente. Vi erano pero delle eccezioni, e tra queste ricorderemo Anquetil-Duperron, F. Schlegel, W. Jones, F. Mayer.

In ogni caso, Schopenhauer va considerato un quasi-precursore, ed avendo a disposizione fonti incomplete e imperfette, ha incontrato un sovrappiù di difficoltà nell'affrontare certe dottrine orientali, e a volte ne ha travisato aspetti non secondari. Dato il contesto, ciò era forse inevitabile, e comunque possiamo riconoscergli le attenuanti del caso.
Nonostante alcuni incidenti di percorso, egli ha contribuito in modo vigoroso a denunciare i processi in atto di occidentalizzazione del mondo, valorizzando nel contempo contenuti notevoli della spiritualità orientale, misconosciuti in Europa. In essi egli si e fortemente identificato, spingendosi a scrivere:

«Le Upanishad sono l'emanazione della più alta saggezza umana [...] da ogni pagina ci vengono incontro profondi pensieri, originali e sublimi, mentre un'elevata e sacra serietà aleggia su tutto. [...] È la lettura più profittevole ed edificante che sia possibile a questo mondo: essa è stata la consolazione della mia vita e lo rimarrà fino alla mia morte»
(Alcune cose relative alla letteratura sanscrita, in Parerga e paralipomena, XVI, 185-184).

Tra oriente e occidente: nozioni da meditare, seguendo Schopenhauer

Il mondo come rappresentazione (v. Maya)

Nell'itinerario che conduce da Cartesio a Kant, l'età moderna tende a rinchiudersi totalmente nella "rappresentazione", escludendo (o quasi) la possibilità di uscirne. L'Idealismo, estremizzando il percorso della modernità, finirà per assolutizzare la "rappresentazione razionale", sostenendo l'appiattimento del Reale sulla Rappresentazione (tale posizione filosofica è ben sintetizzata nella celebre formula hegeliana "tutto ciò che è reale è razionale", detestata da Schopenhauer).

Contro l'Idealismo, Schopenhauer recupera a modo suo la distinzione kantiana tra rappresentazione fenomenica e cosa in sé, e quella platonica tra "ombre della caverna" e livelli ulteriori di realtà. Seguendo in parte Kant, sottolinea che le rappresentazioni mentali sono sostanzialmente costruite tramite Spazio, Tempo, Causalità. Tuttavia, la "scoperta" kantiana è tale solo per gli occidentali moderni: infatti ciò era ben noto già agli antichi indù. Nelle Upanishad antiche, è ben spiegato che Tempo, Spazio e Causalità danno origine alle rappresentazioni fenomeniche, cioè a Maya (almeno 2.000 anni prima di Kant!).

Consapevoli di ciò, i saggi indù avevano anche additato la via per squarciare il velo di Maya, cioè per spezzarne le catene imprigionanti, che legano al mondo "illusorio" delle rappresentazioni razionali. Insegnamenti di tale forza non si ritrovano invece nell'Occidente moderno, o comunque vengono sistematicamente emarginati: il che confermerebbe la mediocrità della nostra civiltà, incapace di spingersi oltre l'orizzonte ristretto di Maya, sotto il dominio della Volontà.

Il principio di ragion sufficiente e l'intelletto intuitivo (v. Manas e Buddhi)

Per la mente vincolata ad elaborare rappresentazioni razionali, vale sempre il principio secondo cui "tutto ciò che e deve avere una causa, cioè una ragione, altrimenti non sarebbe". Tale postulato razionalistico è ampiamente discusso da Schopenhauer già nel periodo della laurea in Filosofia (v. l'opera fondamentale, poi rivisitata e corretta, Sulla quadruplice radice del principio di ragion sufficiente). Ivi Schopenhauer, criticando i «professori confusionari» dei suoi tempi, propone di distinguere tra Ragione e Intelletto in questi termini:

«Sempre e dappertutto, infatti, è indicato come intellectus [...] la facoltà immediata e più intuitiva [...] le parole intellettuale e razionale sono state sempre perfettamente distinte, come manifestazioni di due capacità mentali totalmente diverse e lontanissime» (V, 34).

Scrivendo così, Schopenhauer sembra distinguere le due facoltà seguendo la tradizione platonico-aristotelica; in realtà, la asseconda solo in parte, perché dipende troppo da Kant, il cui influsso si fa sentire. Infatti la spontaneità dell'intelletto non coincide con la visione intuitiva del nous platonico, ma si riduce al fatto che l'intelletto, spontaneamente (cioè senza riflessione) opera secondo la legge di causa-effetto (cioè secondo il principio di ragion sufficiente), elaborando rappresentazioni che hanno un valore primario rispetto alle altre di cui subito diremo. In questo contesto la ragione in senso stretto avrebbe un valore secondario, poiché essa opera per riflessione, astraendo concetti dalle precedenti rappresentazioni, che utilizza per collegare, dedurre, programmare, calcolare in modo logico-formale.
Intelletto e ragione, così intesi, cioè con ruoli in realtà non abissalmente diversi, nonostante la premessa iniziale, stanno alla base delle varie rappresentazioni. Come vedremo, le varie rappresentazioni in definitiva sono funzionali alle esigenze pratiche della Volontà egoica, e non possono ovviamente condurre oltre il mondo fenomenico (oltre il velo di Maya).

Detto questo Schopenhauer, andando stavolta oltre Kant, ammette la possibilità che l'Intelletto possa purificarsi e svincolarsi dall'Egoicità, e possa quindi pervenire ad una Visione non-condizionata (quindi contemplativa, e con portata non semplicemente fenomenica): qui egli recupera un aspetto decisivo della tradizione pitagorico-platonica e di quelle orientali. Infatti la fondamentale distinzione, che più c'interessa, fra mente (intelletto-ragione) asservita alla Volontà egoica e mente libera e incondizionata (intelletto contemplativo) corrisponde sostanzialmente alla distinzione tra Manas e Buddhi, così come la troviamo nelle Upanishad e negli innumerevoli commentari successivi.

Il principium individuationis (v. Ahamkara)

Tale principio è sempre spontaneamente operante nella costruzione delle rappresentazioni razionali. Sintetizzando con qualche ridondanza, possiamo dire che gli elementi portanti di qualsiasi rappresentazione sono: spazio, tempo, causalità, principio di ragion sufficiente, soggetto, oggetto, principium individuationis (come si può intuire, tra essi non vi è rigida demarcazione ed anzi tendono a sovrapporsi o comunque si richiamano vicendevolmente). Appena entra in opera il principium individuationis, il "tutto unico" del reale viene immaginato come frantumato in una miriade di enti e accadimenti, in funzione delle esigenze pratiche dell'Ego, che si contrappone a ciò che viene considerato estraneo all'Ego stesso.
In ultima analisi, la separazione tra soggetto e oggetto è la madre di tutte le altre separazioni: il soggetto infatti deve pensare l'oggetto (cioè la parte del reale valutata come "oggetto") come asservita o asservibile alle istanze dell'Ego (cioè alla parte privilegiata del reale valutata come "soggetto"). La ragione, in quanto subordinata alla Volontà egoica, è uno strumento che ha il compito di elaborare strategie capaci di rafforzare il dominio del soggetto sull'oggetto; direzionata nella prospettiva del "principium individuationis", essa escogita espedienti per incrementare la volontà di potenza. Le celebrate istituzioni che qualificano la civiltà appartengono esse stesse a tali "espedienti" della ragione; ma ormai, nel 1800, un ruolo sempre più decisivo viene assunto dalla scienza e dalla tecnica: esse stanno all'uomo come gli artigli alla belva, ma con un terribile ed inquietante sovrappiù di efficacia.

Di fatto, il principium individuationis attraversa, con diversa intensità, tutti i percorsi della ragione e quindi della civilizzazione dall'antichità alla modernità, giustificando in un modo o nell'altro tutte le attività manipolative del soggetto nei riguardi dell'oggetto. Schopenhauer dipinge con grande maestria l'ordinario atteggiamento pragmatico degli umani nei confronti di ciò che essi si rappresentano come il "mondo": tale rappresentazione è governata dal principium individuationis, cioè dall'Ahamkara, che è così descritto nei testi orientali:

«Ciò che fa l'io, o il senso dell'io. Principio di individuazione che genera il senso dell'egoità e della distinzione riferendo l'esperienza e il suo contenuto ad un io particolare; è dunque associato al manas (mente empirica-distintiva-analitica). [...] Costituisce la coscienza nel suo stato di individualizzazione [...] Questa coscienza dà nascita alla nozione dell'io (aham)»
(v. Glossario sanscrito, Ediz. Asram Vidya).

Tuttavia Schopenhauer, benché ufficialmente considerato un "pessimista", ammette la possibilità che si possa trascendere il principium individuationis e il "senso dell'io".

Dal principium individuationis al "Tat Tvam Asi": verso la compassione cosmica

Il superamento della Volontà è governato da un principio abissalmente diverso, che un'antica saggezza ha racchiuso nella formula sacra Tat Tvam Asi, della quale Schopenhauer recupera solo ciò che gli preme in funzione dell'oltrepassamento dell'egoicità. Alla lettera, infatti, la formula significa "Tu sei Quello", dove per "Quello" le Upanishad e i grandi commentatori (v. Shankara) intendono il Brahman nirguna (senza qualità distintive-limitative).
Schopenhauer, pregiudizialmente allergico a tutti i termini che richiamano concezioni teologiche, mette tra parentesi il Brahman e riutilizza tale formula unicamente per sottolinearne la valenza cosmica e unitiva: detto altrimenti, egli insiste sul fatto che la sacra sentenza suggerisce che in tutti gli esseri, benché fenomenicamente (cioè esteriormente) diversi, è depositata un'unica essenza, che tutti li accomuna, umani e non. Questa consapevolezza consente di sperimentare il nobile sentimento della Compassione cosmica, che si pone come alternativa non solo al principium individuationis, ma anche alla morale razionale kantiana (Schopenhauer infatti mostra grande rispetto per Kant, ma lo critica decisamente proprio sul tema morale). Schopenhauer esalta la superiorità della Compassione cosmica praticata dagli asceti buddhisti e indù, nel mentre denuncia i limiti antropocentrici e le vacuità morali dell'Occidente, che ha come riferimento, secondo i casi, la morale razionale, la pretesa "dignità dell'uomo", una religiosità di tipo personalistico-antropocentrico, ... con tutti i difetti che ne derivano.

Nel contesto di una visione "cosmocentrica" e "non-umanistica", si possono meglio apprezzare le toccanti pagine dedicate da Schopenhauer al mondo non-umano, e le serrate critiche alla manipolazione tecnico-scientifica, con particolare riguardo alla vivisezione, praticata anche ai suoi tempi.

Nirvana

Nirvana, letteralmente, ha il significato di "estinzione", "spegnimento" del soffio, del desiderio, della brama (nell'Induismo e nel Buddhismo). In Schopenhauer, l'esperienza nirvanica comporta l'estinzione della Volontà, e quindi dell'io particolare che è una proiezione della Volontà universale. Come si può notare, la posizione di Schopenhauer non contrasta con le dottrine orientali: siamo in presenza di una formulazione leggermente diversa, che non intacca l'essenziale. Nel contesto di quanto abbiamo rapidamente passato in rassegna, il Nirvana non comporta alcun significato negativo: tale esperienza realizzativa implica infatti lo spegnimento della Volontà, che per Schopenhauer è somma negatività. L'estinzione del "negativo" non può che essere una realizzazione totalmente "positiva". Il Nirvana infatti non conduce al Nulla assoluto, come pretendono alcuni interpreti disinformati: conduce invece alla realizzazione della suprema liberazione.

Ascesi, liberazione e "nulla"

Alcuni autori, per sostenere che il percorso ascetico delineato da Schopenhauer sfocia nel Nulla, estrapolano dalle sue opere alcune espressioni che sembrano confermare tale lettura. In questo caso, si prende di mira soprattutto la parte conclusiva del Mondo come volontà e rappresentazione, laddove effettivamente si trova scritto:

«[...] con la soppressione della volontà, vengono anche soppressi tutti quei fenomeni e quel perenne premere e spingere senza meta e senza posa [...] nel quale e mediante il quale il mondo consiste; soppressa la varietà delle forme succedentisi di grado in grado, soppresso, con la volontà, tutto intero il suo fenomeno; poi finalmente anche le forme universali di quello, tempo e spazio; e da ultimo ancora la più semplice forma fondamentale di esso, soggetto e oggetto. Non più volontà: non più rappresentazione, non più mondo. Davanti a noi non resta invero che il nulla» (IV, 71).

L'intenzione di Schopenhauer è limpidissima: poiché tutto il mondo come "rappresentazione" è una proiezione della Volontà, spenta questa svanisce anche la rappresentazione con tutto ciò che la caratterizza: la separazione soggetto-oggetto, le relazioni spazio-temporali, le innumerevoli forme (cioè gli enti). In una parola, svanisce ciò che i più chiamano il "mondo": e per quelli che ad esso sono attaccati, "toglierlo" vorrebbe dire precipitare nel Nulla. Ma questo è solo il punto di vista dei non-asceti, dei non-realizzati, che danno al "mondo come rappresentazione" e al "mondo come volontà" un valore assoluto.
Ma per gli asceti "liberati in vita" (v. jîvanmukta), «in cui la volontà si è rivolta da se stessa e rinnegata, questo nostro universo tanto reale, con tutti i suoi soli e le sue vie lattee, è il nulla» (così si conclude Il mondo come volontà e rappresentazione).

L'asceta che ha portato al tramonto il Volere e le sue manifestazioni, conosce il valore relativo (v. maya) degli enti e si svincola dalle catene imprigionanti del "mondo": così facendo, consegue la Liberazione, sperimentando interiormente una dimensione assolutamente positiva, che è

«quella pace che sta più in alto di tutta la ragione, quell'assoluta quiete dell'animo pari alla calma del mare, quel profondo riposo, incrollabile fiducia e letizia, il cui semplice riflesso nel volto [...] e un completo e certo Vangelo»
(Il mondo come volontà e rappresentazione, IV, 71).

Tale dimensione totalmente positiva e pacificante, aggiunge Schopenhauer, la possiamo chiamare nirvana, oppure «estasi, rapimento, illuminazione, unione con Dio e così via. Ma tale stato non può chiamarsi cognizione vera e propria, perché non ha più la forma del soggetto e dell'oggetto, e inoltre è accessibile solo all'esperienza diretta, né può essere comunicato ad altri». Nei testi indù, analogamente, si parla di "Conoscenza per identità", di "Conoscenza realizzativa" (v. jnana), proprio per distinguerla dalle cognizioni di ordine meramente "razionale", che presuppongono un "oggetto" di fronte al "soggetto".

Tale conoscenza "per identità" non conduce all'identificazione assoluta nelle forme, cioè negli enti, perché ciò comporterebbe una limitazione (essendo ogni ente finito-limitato); tale esperienza realizzativa è decondizionante perché conduce oltre le forme limitative, quindi verso l'Illimitato, verso il Sovraformale, verso Atman-Brahman nirguna (senza forma, incondizionato) di cui trattano le Upanishad, verso l'Uno aformale di Plotino e del Neoplatonismo. Occorre ammettere che Schopenhauer, il quale asceta e santo non era (e lo sapeva), è riuscito a descrivere egregiamente il senso dello itinerario ascetico, proprio aiutandosi con i testi orientali a lui accessibili. La sua forte ripugnanza per le teologie personalistiche, ha comportato la conseguenza di indurlo al sospetto anche verso le concezioni "impersonali" del divino, sulle quali non ha meditato adeguatamente, penalizzando così certi aspetti della sua elaborazione: eppure, non crediamo di esagerare dicendo che in ultima istanza la sua filosofia appare tacitamente direzionata verso una dottrina del divino "impersonale", che ne costituisce il vertice (e che si pone oltre la contrapposizione ateismo-religione).

Detto in sintesi: lungi dall'essere l'esperienza del Nulla, che cos'è il Nirvana, se non l'esperienza del divino impersonale e aformale (anche se Schopenhauer non ha utilizzato questo linguaggio "teologico")?

Paolo Scroccaro

 

Julius Frauenstädt

Julius Frauenstädt (1813-1879). Uno dei principali seguaci di Schopenhauer. Riferendosi agli incontri avuti con il "maestro", annotò:

«Della sua filosofia, lodava la netta distinzione tra intelletto e ragione.«

A proposito del buddhismo, Schopenhauer gli disse:

«Se si studia il buddhismo nelle sue fonti, ci si rischiara la mente: qui non ci sono le stupide chiacchiere sul mondo creato dal nulla e su un tizio personale che lo avrebbe fatto. Al diavolo tutta questa robaccia!«

 

Margaretha Schnepp

Margaretha Schnepp, governante di Schopenhauer. Il filosofo le lasciò per testamento un vitalizio di 315 talleri.

Margarethe Schnepp, morta nel 1869, era di Heidelberg e stette a servizio di Schopenhauer per undici anni, a partire dal mese di aprile del 1849. Anche se non aveva titoli accademici, si può essere certi che la sapeva molto più lei, su Schopenhauer, che non i tanti critici e dottori sottili. Sapeva anche adattarsi molto bene agli umori del filosofo.

«Talvolta mi sgrida terribilmente» confessava «ma non lo fa con cattiveria.»

Un'altra volta confessa:

«La gente dice sempre che il mio padrone è ateo e che adora il brutto idolo pagano [la statua di Buddha, evidentemente], ma io non lo credo. Recentemente, spolverando i suoi libri, ne ho trovato uno, La vita dei santi. Dunque dev'essere timorato di Dio» (Grisebach, p. 323.)

Schopenhauer le lasciò un vitalizio di 315 talleri all'anno, più un'altra somma per il mantenimento suo cane. Circa la statua di Buddha, che Schopenhauer aveva fatta acquistare a Parigi, sappiamo dalle lettere a Frauenstädt che essa giunse a Francoforte il 7 aprile 1856 e che il 6 giugno la stava facendo dorare.

 


Errori, incongruenze ed omissioni di alcuni manuali

«Come è supremamente ridicolo [...] il sorriso di tranquilla suffisance con cui alcuni servili filosofastri tedeschi ed altresì vari orientalisti superficiali guardano dalle altezze del loro giudaismo razionalista il brahmanesimo ed il buddhismo»
(Sull'etica, in Parerga e paraliponena, VIII, 115)

Alcuni autori cercano di minimizzare il ruolo degli influssi orientali in Schopenhauer, insistendo sul fatto che la prima stesura della Quadruplice radice del principio di ragion sufficiente precede l'incontro con l'orientalista F. Majer (1814), che sarebbe il primo ad avvicinarlo alle culture orientali. Noi ammettiamo il valore di tale opera, e però si deve parimenti ammettere che Schopenhauer ha allargato il suo raggio di riflessione e ha meglio precisato il suo pensiero, proprio in virtù dell'incontro con l'Oriente. Il tema della "rappresentazione", che è centrale già nella prima opera, non a caso viene riproposto con forza nel Mondo come volontà e rappresentazione, tenendo conto degli apporti orientali, come Schopenhauer stesso conferma, mettendo in secondo piano i filosofi occidentali e perfino Kant:

«Il mondo è rappresentazione. Questa verità è tutt'altro che nuova. Essa era già nella concezione degli scettici, donde mosse Cartesio. Ma Berkeley fu il primo ad esprimerla risolutamente. [...] Il primo errore di Kant fu la negligenza di questo principio, come verrà esposto nell'appendice. Quanto remotamente invece tale fondamentale verità fosse riconosciuta dai saggi indiani, apparendo come base della filosofia Vedanta attribuita a Vyasa, ci attesta W. Jones, nell'ultima sua memoria On the philosophy of the Asiatics. [...]»
(Il mondo come volontà e rappresentazione, I, 1).

Quel che vale per la "rappresentazione", vale a maggior ragione per molte altre nozioni disseminate nelle opere di Schopenhauer, alcune delle quali risultano essere di derivazione orientale in modo esplicito. Purtroppo, i nostri manuali oscillano tra due deplorevoli atteggiamenti: o dimenticano del tutto la componente orientalistica (v. per esempio B. Mondin, Perone-Ciancio, Cioffi-Vigorelli, Berti-Volpi etc. ), o riprendono sporadiche nozioni orientali in modo approssimativo e frammentario (come è il caso di Abbagnano-Fornero). I risultati di queste omissioni sono Comunque fortemente negativi sia sotto il profilo del "rigore scientifico", sia sotto quello didattico, come si evidenzia a proposito dei tre testi sotto selezionati a titolo esemplificativo.

 

Cioffi-Vigorelli, Il testo filosofico, vol. 3/1, Mondadori, 1993.

Solo l'arte può cogliere l'oggetto in sé fuori dalla relazioni col mondo fenomenico

L'arte è una forma di conoscenza perfino superiore e quella scientifica: essa sola è infatti capace di cogliere l'oggetto in sé, fuori dalle sue relazioni col resto del mondo fenomenico, ponendosi d'un balzo al di là della conoscenza legata al principio di ragione sufficiente. Insieme con il rapporto con l'oggetto (dal fenomeno all'idea) si modifica anche il ruolo del soggetto, che da coscienza empirica, legata al principium individuationis del corpo, si eleva a soggetto puro e universale, sottratto alle condizioni dello spazio e del tempo, non più sottomesso alla volontà, ma con essa coincidente.

La liberazione della volontà attraverso l'arte

L'arte rivela cioè la possibilità di una, almeno momentanea emancipazione dell'intelletto dal servizio alla volontà e sembra offrire una risposta qualitativamente diversa all'enigma stesso della volontà. È come se, nel sereno mondo dell'arte, in cui tacciono il bisogno e il dolore connessi con la volontà di vivere, il volere deponesse il proprio tendere oscuro e cieco per assumere un volto innocente e razionale. È come se il mondo esistesse al solo scopo di fornire alla volontà uno specchio in cui rivelarsi e prendere coscienza di sé. Questa catarsi estetica della volontà -che, tra le arti, realizzano soprattutto la tragedia e la musica- ci predispone a una rinnovata considerazione del rapporto tra volontà e intelletto, che riguarda ora direttamente l'etica.

Come può l'uomo liberarsi dalla necessità? La via estetica e quella morale

L'uomo, propriamente, non è libero, ma si libera, superando via via i condizionamenti del mondo fenomenico e approfondendo il senso della propria appartenenza al mondo noumenico, della propria identità essenziale con la volontà metafisica. Abbiamo visto una prima applicazione di questo concetto in ambito estetico. L'arte è liberazione, in quanto consente di sospendere il rapporto utilitario nel conoscere e instaurare una relazione di perfetta coincidenza tra soggetto e oggetto, tra volontà e fenomeno. Ma solo la moralità rende definitiva tale conquista, superando la sporadicità e la eccezionalità dell'esperienza estetica e instaurando nel soggetto uno stabile habitus morale.

Affermazione o negazione della volontà di vivere?

L'azione morale consiste nella scelta libera del proprio carattere intelligibile, ossia nella scelta etica fondamentale, che decide una volta per tutte il valore delle nostre azioni successive, che saranno, comunque, empiricamente determinate. L'uomo è libero solo identificandosi con la volontà metafisica; ma questa volontà è pura volontà di vivere: volontà è infatti sinonimo di vita. L'alternativa etica fondamentale sarà allora quella tra affermazione o negazione della volontà di vivere. Due sono i comportamenti etici possibili: quello di chi, avendo compreso che il mondo è solo fenomeno e che l'unica realtà è la volontà, accetta di identificarsi attivamente con essa, vuole consapevolmente ciò che prima la volontà, in lui, voleva inconsciamente, in una parola: afferma la vita. Un tale uomo, «che ami la vita qual è, che l'affermi con tutta la sua potenza, può senza scrupolo ritenerla come infinita, bandire il timore della morte come un'illusione suscitata in lui dall'insensato orrore di poter perdere un giorno il possesso del presente». A questa scelta, di chi afferma la vita, se ne contrappone un'altra: quella dell'asceta che rinuncia alla vita, che nega in se stesso la volontà.

La via dell'ascesi e della compassione

Posto di fronte a questa domanda l'individuo potrà trovare la soluzione dell'ascetismo (nonostante le apparenze) come quella razionalmente preferibile. L'ascetismo si traduce per Schopenhauer in una morale della compassione. Essa consiste nell'abolire ogni distinzione tra l'io e l'altro, nella capacità di patire-con-l'altro (nel significato etimologico di com-passione), giungendo a respingere l'egoismo in quanto forma tipica di cui si serve la volontà di vivere per attuare i suoi scopi.

 

B. Mondin, Corso di storia della filosofia, vol 3, ed. Massimo, 1988

La rinuncia all'individualità: l'arte la simpatia l'ascesi

2. 2 L'etica

La vita morale dell'uomo, secondo Schopenhauer, consiste nella rinuncia alla propria individualità, nel riconoscersi come pura espressione della volontà universale, nell'abbandonare la pretesa d'avere una propria personalità e di aspirare a una felicita personale. La vita morale consiste nella liberazione dello spirito dall'individualità mediante l'arte, la simpatia, e l'ascesi.

L'arte è distacco dall'egoismo nei confronti delle cose mediante la contemplazione spassionata e disinteressata delle medesime.

La simpatia è superamento dell'egoismo nei confronti degli altri, attraverso l'amore per il prossimo.

L'ascesi è il superamento completo dell'individualismo con la rinuncia a tutto ciò cui ci legano le passioni. Attraverso la rinuncia ogni passione si spegne, ogni iniziativa si estingue: da cupido centro di vita l'uomo diventa inerte momento della esistenza universale. La conoscenza della propria nullità, l'annientamento della propria singolarità, l'identificazione con la volontà assoluta e la saggezza suprema. Solo chi annienta la propria individualità e si identifica, con la volontà assoluta raggiunge l'immortalità.

 

Abbagnano-Fornero, Filosofi e filosofie, vol. III, Paravia, 1986

Poiché Schopenhauer paragona le forme a priori a dei vetri sfaccettati attraverso cui la visione delle cose si deforma, egli considera la rappresentazione come una fantasmagoria ingannevole, traendo la conclusione che la vita è «sogno», cioè un tessuto di apparenze o una sorta di «incantesimo», che fa di essa qualcosa di simile agli stati onirici. Andando alla ricerca di precedenti illustri di questa intuizione, Schopenhauer (ivi, I, 5) cita i filosofi Veda (che considerano l'esistenza comune come una sorta di illusione ottica, Platone (il quale «dice spesso che gli uomini non vivono che in un sogno»), Pindaro (il quale afferma che «l'uomo è il sogno di un'ombra»), Sofocle (che paragona gli individui a «simulacri e ombre leggere»), Shakespeare (il quale scrive che «noi siamo di tale stoffa, come quella di cui son fatti i sogni, e la nostra breve vita è chiusa in un sonno»), Calderon de la Barca, (autore del noto dramma La vita es sueño).

In altre parole, se il mondo, con tutte le sue illusioni, le sue sofferenze e i suoi rumori, è un nulla, il nirvana, per l'asceta schopenhaeriano, è un tutto, cioè un oceano di pace o uno spazio luminoso di serenità, in cui si dissolve la nozione stessa di «io» e di «soggetto».

Secondo un punto di vista largamente diffuso tra i critici, la teoria «orientalistica» dell'ascesi costituisce la parte più debole e contraddittoria del sistema schopenhaueriano. Infatti, se la volontà, si identifica con la struttura metafisica del reale, anzi con l'assoluto e con l'infinito stesso, come si può ipotizzare un suo annullamento da parte dell'asceta? Ed è proprio sicuro, Schopenhauer, che la volontà non ci insinui, in modo subdolo, ma ugualmente prepotente, tra le tecniche dell'ascetismo, facendo sì, ad esempio, che l'ipotetica umiltà e castità del «santone», come rileveranno Nietzsche e la psicanalisi, siano solo orgoglio mascherato e sessualità repressa, che si esercita in altre direzioni da quelle normali? E come si può coerentemente ritenere, più in generale, che la volontà, la cui essenza è appunto il volere, ad un cerro momento non voglia più se stessa? Per di più, la fuga ascetica dalla vita, che è sempre un'avventura individuale che finisce per coincidere con la chiusura dell'io in sé medesimo, tutto preso dalle sue tecniche auto-maceranti, non contrasta forse con l'ideale etico della pietà verso il prossimo che soffre e con l'impegno a realizzarla concretamente?

 

Brevi note sui testi sopra riportati

Cioffi-Vigorelli (e altri)

Manca qualsiasi decente riferimento al Buddhismo e all'Induismo; è quasi l'unico testo a dimenticare perfino il Nirvana, come se niente fosse! Gli autori travisano quasi tutti i contenuti più significativi, e manifestano ripetute incertezze linguistiche e concettuali, su cui per il momento sorvoliamo. Per farsene un'idea, basterà ricordare che verso la fine chiudono in bellezza scrivendo:

«L'uomo è libero solo identificandosi con la volontà metafisica» (pag. 327).

«... l'individuo potrà trovare la soluzione dell'ascetismo (nonostante le apparenze) come quella razionalmente preferibile» (pag. 328).

Certi rinvii di Schopenhauer all'Oriente avrebbero aiutato gli estensori a comprendere che non si tratta di identificarsi con la Volontà, o di escogitare soluzioni «razionalmente preferibili», ma di spegnere l'ego e la Volontà, assieme alla ragione; infatti in Schopenhauer e nelle citate tradizioni orientali l'elemento razionale non ha il significato positivo che probabilmente gli autori del manuale suppongono, ma un senso meramente fenomenico-rappresentativo-pragmatico, ripetutamente descritto nelle opere di Schopenhauer e in quelle orientali.

 

B. Mondin

Non cita mai, neanche per sbaglio, nozioni orientali, e i risultati si vedono. La sua conclusione è insuperabile, quando azzarda:

«... l'identificazione con la volontà assoluta è la saggezza suprema».

Ci basterà muovergli una sola obiezione: come mai Schopenhauer conclude la sua opera più nota, dichiarando invece che la saggezza suprema comporta la soppressione della Volontà?

 

Abbagnano-Fornero

Attribuiscono a Schopenhauer l'espressione «i filosofi Veda» che si troverebbe nel Mondo come volontà e rappresentazione, I, 5, secondo quanto segnalato nello stesso manuale. Basterebbe una sia pur minima conoscenza dell'Induismo, come sarebbe doveroso, per sapere che la citata espressione è del tutto infelice, dato che i Veda, secondo la tradizione indù, sono testi sacri di origine non-umana, che come tali non hanno nulla di meramente filosofico. A voler giustificare gli autori, possiamo concedere che anche il linguaggio di Schopenhauer talvolta e impreciso: ma non in questo caso. Infatti, bastava citare diligentemente Il Mondo come volontà e rappresentazione, I, 5: ivi non si nominano fantomatici "filosofi Veda", ma si dice solo che «i Veda e i Purana [...] chiamano velo di Maya» il mondo illusorio così come è rappresentato dalla coscienza ordinaria.

Restando alla diligenza formale, ricorderemo che la sacra formula «Tat tvam (o twam) asi» è riportata correttamente in Schopenhauer, cosa che non si può dire a proposito del citato manuale (v. pag. 156). Tuttavia, quel che più sorprende è il giudizio conclusivo: come si può accusare Schopenhauer di teorizzare «la chiusura dell'io in sé medesimo» (v. pag. 158), dimenticando di aver riconosciuto, solo dieci righe prima, che l'ascesi di Schopenhauer conduce al Nirvana, «in cui si dissolve la nozione stessa di io e di soggetto»?

 

Englischer Hof

L'«Englischer Hof», dove Schopenhauer consumava i suoi pasti e si intratteneva a colloquio con i commensali che gli andavano a genio.

Paolo Scroccaro

 

 

Per i tuoi prossimi acquisti di libri EstOvest consiglia Il Giardino dei Libri

 


Articolo inserito in data: mercoledì, 1 marzo, 2000.

Ultima modifica:

Privacy e cookies

Vi preghiamo di disabilitare tutti i blocchi degli annunci e Ad-Block.

Per contatti e-mail: . Questo sito storico è stato adottato e ospitato gratuitamente da operedigitali.com a fini di promozione culturale e di memoria archivistica. Prima di essere pubblicato qui, si trovava "parcheggiato" su Altervista.org.


Il sito è in fase di ristrutturazione radicale (solo dal punto di vista tecnico, non dei contenuti o della grafica!). Chi dovesse sperimentare errori o problemi nella navigazione del sito, è fortemente pregato di segnalarlo a . Grazie!

Gli annunci pubblicitari di questo sito ci permettono di recuperare almeno in parte le spese sostenute per la sua pubblicazione e manutenzione. Ci scusiamo se eventualmente la qualità degli annunci non fosse elevata o pertinente. Siamo in cerca di sponsor di buona qualità.

Visibile con qualunque browser  Pagine realizzate utilizzando i "Cascading Style Sheet" Validato con Bobby


Torna all'inizio di questa pagina Torna all'indice della sezione torna all'indice